Resident Evil: arrivano gli zombie a Racoon city

0
275
resident evil

Resident Evil 1, oggetto di un remake assieme al secondo capitolo per le console di nuova generazione, è definito dagli esperti come un vero e proprio pioniere del genere survival horror, creando scalpore nel 1996.

Il primo Resident Evil

Il gioco è un survival horror in terza persona realizzato interamente con una grafica in 3D e con l’impiego di svariati attori per la realizzazione delle diverse scene cinematografiche.
Proprio tutte queste caratteristiche, che all’epoca furono innovative, fecero in modo che Resident Evil 1 divenne uno dei titoli di cui si discusse con maggior frequenza durante la fine degli anni 90.
Inoltre la possibilità di esplorare completamente i vari ambienti e soprattutto l’assenza di un’intelligenza artificiale limitata, che invece si adattava alle diverse situazioni rendendo maggiormente complesso lo svolgimento di ogni livello, resero il primo capitolo di Resident Evil uno dei titoli di maggior successo nel panorama dei videogiochi.
Anche il livello di gore presente nel gioco fece in modo che gli esperti parlassero con grande frequenza di questo titolo: il gioco prevedeva infatti una serie di livelli dove l’azione frenetica e la capacità reattiva del giocatore erano due elementi costantemente presenti, rendendo il titolo anche una variante dei classici giochi d’azione dove, molto spesso, i combattimenti venivano realizzati con poca attenzione.

Resident evil: tipo di gioco

L’innovazione era da ricercare anche nella trama complessa di Resident Evil 1, che riuscii a contraddistinguersi anche in questo particolare ambito.
Il gioco, che venne immesso sul mercato nel 1996, è ambientato due anni dopo, quindi in un 1998 futuristico, in una città americana completamente inventata, ovvero Raccoon City, situata nella parte settentrionale degli Stati Uniti.
In questa particolare area vengono segnalati diversi omicidi ed episodi di cannibalismo piuttosto insoliti, con un tasso di violenza che sembra raggiungere dei livelli assai elevati e con un incremento delle persone che misteriosamente scompaiono.
Vista la gravità dei fatti, il Governo decide di inviare una squadra di soldati altamente qualificati per le varie situazioni di emergenza, con l’obiettivo di scoprire cosa stia accadendo in diverse zone di Raccoon City.
Purtroppo accade che l’intero team inviato viene completamente annientato e questo comporta che il Governo invii una seconda squadra, composta da Chirs, Jill e da diversi altri militari addestrati: giunti a destinazione uno di loro, ovvero Joseph, viene letteralmente sbranato da dei cani che presentano degli strani segni sul loro corpo.
Questi, infatti, hanno diverse parti del loro corpo a brandelli e presentano dei particolari segni come se fossero stati sottoposti a diversi esperimenti.
Da questo momento partono le indagini di Chris e Jill, che con il proseguire della trama scopriranno cosa è realmente accaduto ai loro ex compagni di squadra nonché cosa stia succedendo a Raccoon City, con intrighi e sviluppi della trama che lasceranno incollati allo schermo i giocatori.

I personaggi principali di resident evil

I personaggi principali del gioco sono due, ovvero Chris e Jill e anche in questo caso l’innovazione in questa particolare scelta può essere notata immediatamente.
Questo in quanto i due personaggi si presentano con delle caratteristiche completamente differenti e anche il gameplay subisce delle variazioni a seconda della scelta che viene svolta.
Chris è un militare esperto nell’utilizzo delle armi da fuoco e questo permette al giocatore di avere una maggiore velocità e precisione di fuoco durante le varie sezioni nelle quali devono essere affrontate le creature mutanti e gli zombi.
Inoltre il personaggio maschile consente l’utilizzo di armi da fuoco pesanti, seppur il numero di munizioni di cui si dispone sia limitato: in compenso l’area dei danni viene incrementata specialmente nel frangente in cui vengono utilizzati gli esplosivi.
Chirs non dispone però di un inventario molto ampio: anche le munizioni delle pistole e dei vari fucili sono ridotte e lo stesso vale per gli oggetti che possono essere trasportati contemporaneamente.
In aggiunta il personaggio ha bisogno delle chiavi per aprire le varie stanze.
Jill è invece una ladra e scassinatrice esperta che possiede una mira e un potenziale di danno ridotti, nonché una salute inferiore rispetto a Chris, in compenso è maggiormente veloce nella fuga e ha libero accesso alle diverse aree che, invece, richiedono delle chiavi qualora si utilizzi il personaggio di sesso maschile.
Pertanto il gameplay subisce delle variazioni a seconda del personaggio che si sceglie in fase iniziale del gioco e anche la trama subisce delle modifiche: per scoprire l’intera storia il gioco deve essere completato con entrambi i personaggi.

Gli spaventosi zombie

I protagonisti secondari ( o forse i veri protagonisti) di Resident Evil 1 sono gli zombie: ne esistono di diverse tipologie, come quelli lenti e che vengono abbattuti con un solo colpo di pistola, così come quelli rapidi che prediligono il combattimento ravvicinato e gli zombie mutanti, ovvero creature enorme che richiedono maggior potenza di fuoco per essere sconfitti.
Inoltre sono presenti le creature mutanti come gli squali, le piante carnivore gigantesche e tante altre, tutte realizzate con grande cura nel dettaglio e dotate di punti di forza e di debolezza che devono essere sfruttati dai giocatori per fare in modo che queste creature infernali possano essere sconfitte con facilità.
Proprio visto il grande livello di orrore il gioco venne censurato in diversi Paesi, divenendo quindi un culto nel panorama dei videogiochi durante gli anni 90 e i primi del nuovo millennio.

Previous articleStarcraft: un gioco di strategia incredibile
Next articleMarvel’s Spider-Man Remastered arriva su PC

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here