Among Us: un successo incredibile

0
113
Among Us

Nato due anni fa, ma esploso un videogame da record con 200 milioni di download su mobile.

Among Us è un videogioco multigiocatore distribuito digitalmente sulla piattaforma Steam e pubblicato gratuitamente sia per Android che Ios nel 2018, due anni fa.

Il gioco è stato sviluppato dalla compagnia americana Innersloth ed ha coinvolto un programmatore e due artisti.
Inizialmente il gioco non attirò molta attenzione, ma nel 2020, grazie al videogioco Fortnite e grazie alla piattaforma livestreaming Twitch è riuscito a farsi strada tra i giovani e nel mainstream, ottenendo un’enorme successo di download.

Complice di questo grande successo è stata anche la pandemia Covid-19, che ha costretto in casa milioni di persone che hanno trovato in questo gioco un passatempo ideale.

Inizialmente la piattaforma poteva contare contemporaneamente all’incirca quaranta o sessanta giocatori, nel 2020 invece sono stati calcolati un milione e mezzo di giocatori simultanei.

Il gioco avrebbe dovuto prevedere anche un’ altra versione chiamata Among Us 2, ma non fu mai realizzata visto l’enorme successo della prima.

Il team della compagnia statunitense ha espressamente detto che tutte le migliorie previste nella seconda versione, sono state immesse nella prima. L’apprezzamento è arrivato anche da importanti blog di giochi sul web e persone influenti, che lo hanno trovato estremamente divertente. Attualmente il tutto è alimentato da community e influencer che permettono agli utenti di confrontarsi su questo incredibile gioco.

Among us: tipologia di gioco

Il videogioco appartiene al genere sopravvivenza e permette di giocare simultaneamente fino ad un massimo di dieci giocatori.

All’inizio della partita vengono selezionati casualmente alcuni impostori, mentre tutti gli altri compongono una squadra. Il gioco si sviluppa principalmente in tre diversi scenari, tra cui: un’ astronave anche detta The Scheld, un quartier generale chiamato MiraHq ed infine Polus, la base planetaria. Ai compagni di squadra viene assegnata una lista di lavori da svolgere ed il mancato adempimento di tali obblighi può portare alla morte dei compagni di squadra.

Gli impostori, cercheranno in quasiasi modo di sabotare il lavoro dei compagni per poterli uccidere. I compagni di squadra hanno dunque l’obiettivo di identificare gli impostori prima che il loro lavoro venga manomesso oppure ancora peggio, di farsi uccidere. Gli impostori hanno invece il compito di uccidere tutta la squadra.

Dobbiamo ricordare che ogni giocatore morto si trasforma in un fantasma, acquisendo la capacità di oltrepassare i muri ed altri piccoli trucchi.

I fantasmi hanno l’obiettivo di aiutare i compagni di squadra, ma sono visibili solo agli altri fantasmi.

All’interno del gioco, in caso un giocatore trovasse il cadavere di un compagno, può organizzare una riunione con gli altri membri per scovare o capire chi è l’impostore.

Il videogioco mette a disposizione una piattaforma di messaggistica che permette agli utenti di interagire tra di loro, attraverso messaggi vocali oppure scritti.

Anche in questo caso i fantasmi possono interagire solamente tra di loro. Il gioco permette anche di collegare diverse periferiche esterne per rendere il gioco più accattivante e meno faticoso, tra cui: gamepad oppure una tastiera.

Among Us: grafica semplice

Un’aspetto importante del gioco è la semplicità grafica con cui esso ci viene presentato.

Non certo una grafica all’ultimo grido, ma questo è essenziale per quanto riguarda l’immediatezza e la facilità di comprensione.

Ogni personaggio infatti indossa una tuta color pastello diversa da tutte le altre, rendendole gradevoli all’occhio. Anche le mappe di gioco sono estremamente minimali da un punto di vista grafico, ma non per questo meno accattivanti.

La grafica è stata realizzata con un badget ridotto grazie al software Unity, che permette di creare videogiochi a basso costo.

Il sospetto e la tensione rendono Among Us  interessante e divertente.

Volendo descrivere in modo più semplice il gioco, lo potremmo definire come una caccia al colpevole, ed effettivamente è proprio così. Il gioco permette ai giovani di trasformarsi in dei piccoli Hercule Poirot, indagando su chi sia il sabotatore.

Il ritrovamento del cadavere infatti presuppone una riunione in cui i diversi utenti, tramite messaggi scritti o tramite messaggi vocali, si scambiano idee ed opinioni.

Ovviamente il tutto è reso ancora più eccitante dal dubbio, in quanto chiunque potrebbe essere l’impostore, alimentando sospetti e tensioni verso gli altri giocatori.

Una volta apprese le dinamiche di gioco è difficile staccarsene, ed una partita chiama l’altra permettendoti anche di non avere un ruolo totalmente passivo verso il videogioco, infatti l’identificazione del colpevole passa attraverso le dinamiche di lucidità e di pensiero dell’utente, costringendolo a spremere le meningi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here